TEATRO DELL'OROLOGIO: ecco la stagione "What's the time?" - Gufetto Magazine

TEATRO DELL'OROLOGIO: ecco la stagione "What's the time?"

Il Teatro dell’Orologio inaugura nel 2014 la stagione “What's the Time?”, aspirando a primo anello di una filiera del settore teatrale della città, accogliendo nuove drammaturgie e registi esordienti, conducendo un'indagine sul gusto del pubblico rispetto al nuovo teatro contemporaneo
Quest’anno sono previsti 25 spettacoli e 7 eventi speciali, fra cui Her.s che la redazione di Gufetto.it segue in particolare.

Ancora in scena…
La stagione si è aperta con "Diario di un pazzo", liberamente ispirato dall'omonimo racconto di Gògol, per la regia di Flavio Bucci con Mario Moretti. Ha seguito “Una specie di Alaska”, commedia “terribile come un incubo” di Harold Pinter, per la regia di Valerio Binasco.
Per i giovani, il primo regista è Gabriele Paolocà, che ha messo in scena Amleto FX, mentre gli spettacoli "Zombitudine" della compagnia Frosini/Timpano (inserito nella ventinovesima edizione del RomaEuropa Festival) e Riccardo III (vedi la recensione di Antonio Mazzuca), in coproduzione tra Teatro Minimo e Pontedera Teatro sono tutt’ora in scena, rispettivamente fino al 24 e 23 novembre.

I prossimi appuntamenti

Novembre verrà chiuso con la prima nazionale di Viva la guerra!, primo esperimento registico del
giovane Andrea Bizzarri (25 nov – 7 dic ).

Dicembre vedrà andare in scena “Verso Occidente l’impero dirige il suo corso” di D.F. Wallace (compagnia BluTeatro - che quest’anno dirige la Scuola di Recitazione del Teatro Orologio) per la regia di Luca Bargagna (2 – 21 dic), e “134 grammi di soda caustica”, di e con Francesca Romanda De Berardis per la regia di Giuseppe Roselli (16 – 21 dic).

A Gennaio 2015 Ivan Bellavista inaugura l’anno nuovo ci racconta Don Giovanni, con “Molière Immaginario”, da Molière (7 – 18 gen), invece Fausto Paravidino con “Il diario di Maria Pia”, da lui scritto e diretto (13 – 25 gen).
La compagnia Biancofango mette in scena “Fragile Show” (20 gen – 1 feb), mentre Marco Maltauro ci presenta Storia di un pezzo di carne, tratto da “La Signora delle Camelie”.

Durante Febbraio 2015 la compagnia DoppioSenso Unico, di Luca Ruocco e Ivan Talarico, con “OperaMolla” (3 feb – 1 mar), e uno studio sui “Sei personaggi in cerca d’autore” di Luigi Pirandello, del gruppo artistico VicoQuartoMazzini(17 feb – 1 mar).

Marzo sarà invece dedicato a Pasolini: Clinica Mammut, in co-produzione con Teatro Studio Kripton, propone “Dal sordo rumore delle dita, di Alessandra di Lernia per la regia di Salvo Lombardo (10 – 15 mar), e CK Teatro mette in scena “Tutti i padri vogliono far morire i loro figli”, liberamente tratto da Affabulazione di Pasolini, un testo scritto da Fabio Morgan e per la regia di Leonardo Ferrari Carissimi (10 mar – 5 apr). Sempre in marzo Massimiliano Farau dirige Lungs, testo dell’autore contemporaneo Duncan Macmillian, prodotto da Fondazione Teatro Due di Parma (17 – 29 mar).

Ad Aprile,debutta alla regia Stefano Scandaletti con “Ferite d’arma da gioco”del finalista Premio Pulitzer Rajiv Joseph(3 – 8 marzo). E fra marzo e aprile, Fabrizio Falco dirigerà: “Partitura P – uno studio su Pirandello”, che riadatterà tre classici pirandelliani: “L’uomo dal fiore in bocca”, “Una giornata” e “Il treno
ha fischiato” (31 mar – 12 apr).
In Aprile Adamo&Eva, di Mauro Santopietro, un viaggio tra epoche e momenti cruciali della storia dell’uomo, fino al moderno rapporto tra i sessi (7 – 19 apr) e poi “La vela nera di Teseo”, dell’autrice contemporanea Valeria Moretti, diretto e interpretato da Gianni De Feo (14 – 19 apr). Infine “Tre desideri”, di Ben Moor, regia di Mauro Parrinello, spettacolo vincitore del Premio delle Arti L.Petroni 2014 (21 – 26 apr).

Concludono la stagione 2014 – 2015 del Teatro Orologio gli spettacoli “After the end”, di Dennis Kelly per la
regia di Luca Rigato, con Alessandro Lussiana e Valeria Perdonò, e Bigodini, un libero adattamento di
Frankenstein, della giovane sceneggiatrice Francesca Manieri insieme a Federica Rosellini, attrice e regista vincitrice del Premio Hystrio 2011.

Eventi speciali
La seconda edizione di Dominio Pubblico programmerà 16 compagnie della scena contemporanea nazionale tra teatro, danza e arti performative.
Si parte dal recente HER.s in collaborazione con Minimum Fax.
Si prosegue poi con il progetto EXIT – Emergenze Per Identità Teatrali , ideato e organizzato dalle compagnie aderenti a Fed. It. Art – Federazione Italiana Artisti
Dal 1 al 14 dicembre “A very Andersen Christmas”, spettacolo di riflessione su povertà e ricchezza, materialismo e ideali dal 19 al 21 dicembre

Non manca anche tematiche più squisitamente sociali: BE•YOU raccoglierà spettacoli sul tema dell’identità di genere, programmando: “Battuage” di Vucciria Teatro, “12 baci sulla bocca” di Mario Gelardi, e poi documentari, mostre e attività.
Ci sarà anche la Danza con Eden, in primavera a cura di Parrella e Gianluca Cheli dal 22 al 26 aprile
Infine, Inventaria, giunto alla quinta edizione focalizzato sulla drammaturgia contemporanea , con un occhio di riguardo alle prime nazionali e romane dall'11 al 24 maggio.

seguici su Facebook
seguici su Linkedin
seguici su Google +
seguici su Pinterest
seguici su Twitter