PROIBITO @ Teatro Millelire - Gufetto Magazine

Recensioni Teatro

PROIBITO @ Teatro Millelire

Lavoro introspettivo e coraggioso, è quello in scena dal 26 novembre al 1° dicembre, al Teatro Mille Lire: “Proibito” storia di Diane Arbus, “un’icona della fotografia”.

Appena in sala sembra di essere in uno studio fotografico in piena regola: uno schermo bianco in fondo è attraversato e sorretto da fili altrettanto bianchi, sui muri laterali troviamo appese delle scatole dello stesso “non colore”, e da uno spioncino possiamo guardare foto d’altri tempi.
In mezzo al palco però un’amara sorpresa, un catafalco con sopra una donna, che comincia a prendere vita dal buio in sala. Un’emozione tradisce la sua voce, che prima incerta e poi sicura ci racconta l’inizio di una favola, forse la sua preferita da bambina.
Inizia così la storia di Diane Arbus, scritta, diretta e interpretata da Priscilla Giuliacci, giovane attrice promettente, che commuove e si commuove al tempo stesso, attraversando la storia della vita della fotografa americana.
Nata a New York nel 1923, da una ricca famiglia di commercianti, si sposa giovanissima, e con il marito, diventano una coppia di affermati fotografi di moda e alla moda.
Ma con gli anni la sua passione per la moda si esaurisce insieme al suo matrimonio, e così dopo un duro periodo di ricostruzione, sente nascere in sé il desiderio di fotografare altro.
E questo altro lo trova in un’umanità desolata, umiliata e lasciata in disparte, perché considerata vergognosa, ma Diane spinta da un fuoco interno va avanti, diventando poi quella artista straordinaria che è riuscita a essere grazie alla sensibilità che riesce a cogliere attraverso l’obbiettivo.
Una donna che ha rivoluzionato la fotografia sovvertendo completamente il concetto di bello e brutto.

Priscilla che si è fusa con Diane, ci racconta tutto questo e tutto quello che tra le righe con i nostri strumenti riusciamo a leggere. Una storia bella e amara di un essere umano speciale che vale la pena di conoscere.

seguici su Facebook
seguici su Linkedin
seguici su Google +
seguici su Pinterest
seguici su Twitter