Viaggio nella notte di Massimiliano Santarossa - Gufetto Magazine

Viaggio nella notte di Massimiliano Santarossa

Una lama che parte dal polpastrello del medio della mano e lentamente si fa strada verso l’ascella del lettore. Attimo dopo attimo, respiro dopo respiro, millimetro dopo millimetro, aprendo la carne per mostrare la sua reale consistenza. La storia e il protagonista di Massimiliano Santarossa fanno così male per il dolore che recano con sé e soprattutto per la lucidità e la veridicità nell’affrontare la società che in questo fardello quotidiano chiamato vita- che tutti abbiamo poggiato sull’atlante dinoccolato della nostra testa senza curarci del peso e del contenuto – si annidano.

La scrittura cruda, senza nessun tipo di fronzolo stilistico o abbellimento ammiccante, liturgica nel suo ripetere parole, pensieri, aggettivi, quasi come se fosse una salmodia o un mantra, scarnifica i luoghi, i ricordi, gli attimi in cui il protagonista affoga consapevolmente rendendoli ossa lucide in cui riflettersi.

Il ragazzo, operaio in una fabbrica di polistirolo, senza autocommiserazione, solo con la sua oggettiva posizione di schiavo, vive la sua ultima giornata. Volenteroso nel volerla rendere ultima, conclusiva, liberatoria, muove ogni pensiero come un passo e viceversa.

In un testamento non dichiarato di sogni e speranze infrante dalla comunità, dall’Italia, dal suo governo, dalle sue genti, dalle sue vittime e carnefici, si apre il passaggio a un memoriale sudato, sporco, rancido di anni di intossicazione da materiale chimico, di sguardi bruciati dal meccanico susseguirsi delle giornate, parole cementate dal rumore dei macchinari. Una rappresentazione universale, nel suo occhio soggettivo, di quale direzione e destinazione sta prendendo la vita di molti connazionali.

Viaggio nella notte è un ipnotico e esistenzialista romanzo sul cuore dell’anima rarefatta della gioventù di periferia, che ricorda come un’età dell’Oro il verde dei campi, dei fiumi in cui bagnarsi e la neve con cui dissetarsi, mentre si aggira nella metamorfosi di cemento dell’esistenza in sopravvivenza.

In tre righe? Una vita agra, tra fumi industriali e inumani

 

VIAGGIO NELLA NOTTE
Autore: Massimiliano Santarossa

Hacca edizioni - euro 14.00- pp.gg. 133 – 2012 Settembre

 

 

Parole di Alex Pietrogiacomi

 

seguici su Facebook
seguici su Linkedin
seguici su Google +
seguici su Pinterest
seguici su Twitter