C'è posto tra gli indiani di Alessio Dimartino - Gufetto Magazine

C'è posto tra gli indiani di Alessio Dimartino

"Questa storia qua narra di un uomo che forse continua a vivere o forse muore, in quanto ha iniziato a morire già da parecchio tempo. Quindi, forse, questa storia qua narra di un uomo che forse continua a iniziare a morire o forse muore e oplà".
Potrei finirla qui, la mia recensione sarebbe anche conclusa. Si spiega la trama, si vede lo stile dello scrittore... a che servirebbe continuare?
Bé in realtà, a dirvi che il romanzo "C'è posto tra gli indiani" (pubblicato dalla romana Perrone) è un bel calcio negli zebedei del piattume narrativo che domina librerie e charts.

Dimartino non solo è un talento virtuoso della scrittura, capace di incalzare, recuperare ritmi lasciati per un attimo sospesi in un vuoto d'attesa e renderli sferzate concrete sulla schiena del lettore attraverso il suo stile pulito, asciutto, scarno quasi...è anche un architetto onirico - ma lucidissimo senza perdere la "pancia"- di intrecci paralleli ed edifici di personaggi indimenticabili.

"In questa storia qua ci sono un veterinario, un cocker fulvo, un misterioso signore identico all'attore inglese Michael Caine, una banda di pakistani che vendono sigarette senza permesso, un lavapiatti tunisino che spaccia salvia sbriciolata, una donna che c'è più ma è più presente di quando c'era ..." etc, etc. Dimartino non va spiegato, va letto. Non va analizzato, va gustato. Perché ogni pagina, ogni paragrafo gestito dalla prima persona o dalla terza rimbalza sulle papille gustative della lettura e del lettore e lo tiene in uno stato di torpore vigile. Uno stato di trance che cessa, forse, solo alla fine dell'ultima pagina.

Ci hanno segnalato che verrà candidato allo Strega (e domani, come da nostra segnalazione sarà presentato a Roma)...meno male!

In tre righe? Marcello, il protagonista è sputato alla splendida cover.

Parole di The Oyster Cult

C'è posto tra gli indiani
Autore: 
Alessio Dimartino

Giulio Perrone Editore- pp.gg. 184- euro 13- 2014

seguici su Facebook
seguici su Linkedin
seguici su Google +
seguici su Pinterest
seguici su Twitter