Recensioni Libri - Gufetto Magazine

BEATLES@Atmosphere Libri: crescere a Oslo ai tempi della Beatlesmania

L’amicizia, la musica, i primi amori, i sogni, il desiderio di rivolta e la fragilità dell’adolescenza. Tutto questo è in BEATLES, il romanzo che ha portato al successo lo scrittore norvegese Lars Saabye Chrisensen già nel 1984, e ora tradotto in Italia da Atmosphere libri, coerentemente alla sua linea editoriale che si propone di portare il lettore italiano in giro per il mondo.
 

PRELUDE al Teatro Tor Bella Monaca: musica, parole, riflessioni

“Un veliero nella tempesta, senza timone né capitano, ecco cos’ero…” La presentazione del romanzo di esordio di Lea Valti, PRELUDE, svoltosi il 18 giugno scorso al Teatro Tor Bella Monaca, si presenta fin dal suo inizio come un viaggio nel viaggio, un intenso cammino nell’ambiguo percorso di crescita e di formazione del giovane William Druce, protagonista del romanzo, nella Scozia del XIX secolo.
 

Follie editoriali post feste

Regali non ancora ricevuti? Pochi mostrano di gradire libri, ancor meno quando il libro in questione è il tomo di Vespa o il mattone “sentimental” di Fabio Volo. Ricordiamoci che quando andiamo a scegliere un titolo, che si tratti di un “presente” o per “uso personale”,  dobbiamo spingerci oltre i titoli dei “soliti noti”. L’imperativo categorico su questo argomento è d’obbligo, per diversi motivi, ne cito un paio: il mercato cambia e si adegua se cambiamo le nostre scelte, avendo la curiosità di scoprire nuove case editrici, nuovi autori, diamo stimoli, impulsi al cambiamento, alla novità ed alla qualità.
 

Le creature di Valerio la Martire

L’ho incontrato alla fiera Più libri più liberi, allo stand della Bakemono lab. Alto, sorridente. Valerio la Martire, 33 anni, non si può proprio definire un esordiente. Sa il fatto suo! Scrive infatti da quando aveva 12 anni, ha già pubblicato “I ragazzi geisha” con le edizioni Croce, “Stranizza” ed una raccolta di favole ambientate in Giappone “Nopperaboo” con Bakemono lab.
 

Letture da ANCORA TEMPESTA di Peter Handke al Teatro Argot Studio

È in scena al Teatro Argot Studio la penultima tappa del vasto progetto “La terra sonora. Il teatro di Peter Handke”, che a partire dal settembre 2013 ha visto succedersi convegni, laboratori, workshop di traduzione, mise en espace, radiodrammi, con l’obiettivo di restituire una visione completa della produzione del poliedrico autore austriaco. Tappa che offre per la prima volta al pubblico italiano una lettura di brani tratti dal testo per il teatro, seppur prevalentemente in prosa, "Ancora tempesta", pubblicato per la prima volta nel 2010, ora tradotto e di prossima uscita per Quodlibet.

Il primo episodio si è svolto giovedì 20 novembre, in forma inattesa e, potremmo dire, non convenzionale. Tra le pareti nere della sala, la lettura di Antonio Tagliarani non è introdotta da Sergio Lo Gatto – come da programma – e invece comincia senza preamboli. Oltre al solito leggio, un microfono retto dall’asta, tre tavolinetti che reggono taccuini, matite e piccole mele rosse l’uno, un posacenere e due calici di cristallo l’altro, mentre l’ultimo, accanto alla seggiola da bar su cui siede Lo Gatto, in veste di critico letterario e chiosatore, altri taccuini, libri, matite, forse a voler portare sulla scena il bagaglio minimo di strumenti necessari ad avvicinare il lettore o lo spettatore alla complessa e ricchissima opera di Peter Handke. In effetti, i quattro estratti sono scanditi da tre interventi che, puntuali e approfonditi, contestualizzano il testo e avvicinano alla figura del drammaturgo, offrendo chiavi di lettura (il ruolo fondamentale del linguaggio, innanzitutto) e stabilendo relazioni storiche e biografiche che difficilmente si sarebbero potute individuare al solo ascolto.

La lettura è asciutta, ma efficace quanto basta per dare la giusta voce alle numerose figure che l’una dopo l’altra, o in coppia, o tutte insieme cominciano a popolare il paesaggio della Carinzia – una steppa? una brughiera? – dove il narratore stesso si ritrova come in sogno, tra una panchina e un albero di mele. Riconosce i diversi membri della famiglia nonostante il non-tempo del racconto, del ricordo, del sogno e della morte abbiano scompaginato le età e i volti. La madre, i nonni, la zia Ursula, il piccolo Benjamin, tra gli altri, si avvicendano e si alternano o mescolano al narratore per tracciare la storia di una famiglia e di una regione di confine, contesa e travagliata da conflitti non solo armati, interrogandosi sul tempo e sullo spazio, sul linguaggio e sulle parole, ma soprattutto sulle appartenenze, poiché, sembra dirci Handke, non si può che appartenere a una famiglia, al suo lessico, allo spazio (la “dimora” citata nel quarto e ultimo brano) e al tempo che essa ha abitato, più che a qualunque patria, per quanto disgusto si possa provare anche al solo ricordo di ogni più banale particolare che ne costituiva la quotidianità.

"Ancora tempesta" di Peter Handke andrà ancora in scena sul palco del Teatro Argot Studio, con il Secondo e Terzo episodio, venerdì 21 e sabato 22 novembre alle ore 19, rispettivamente con la lettura di Daniele Timpano - Elvira Frosini, e di Lisa Ferlazzo Natoli.
 

Martini Eden a cura di Carolina Cutolo

Il martini è una scienza fatta anche di alchimia.
E’ un approccio serio al relax, è un drink che trasuda incontri, paesaggi, storia, nomi e immagini uniche.
A dedicargli una bellissima raccolta con un gruppo di scrittori di altissimo livello ci pensa Carolina Cutolo (scrittrice e barlady) con MARTINI EDEN (Nutrimenti Edizioni).
 

Vita, morte e miracoli di Roberto Mandracchia

Mirabolante per la sua essenzialità. Ritmico per il suo incedere quotidiano. Il romanzo del giovane Roberto Mandracchia edito da Baldini & Castoldi è un piccolo piacere da leggere che rende l’animo agrodolce.
Se da una parte il suo protagonista ispira simpatia e tenerezza dall’altra il paese che lo circonda, con la sua veridicità, rende aspra l’attesa degli eventi che arriveranno.
Canio Calicchia fa il guardiano del cimitero (come tutti in famiglia da generazioni) del paese di Retolo. Qui conduce una vita normale, tra alti e bassi che possono abbattersi su una mente semplice come la sua e che comunque affronta con stoica resistenza.
A Retolo tutto gira in maniera diversa nel momento in cui la vecchia Nunziatella Levo comincia a dire di parlare con Gesù, Madonna, anime del purgatorio e tutto il corollario.
Nascono gruppi di preghiera, arrivano personaggi equivoci, la televisione e anche il cimitero, con la sua storica forma a “Fica”, comincia ad essere di troppo, imbarazzante.
La minoranza diventa maggioranza, le idee si confondono fino a perdersi, le persone diventano estranee alla loro vita e al loro passato, tutto si sgretola verso un futuro affatto brillante.E Canio? Osserva, cerca di starne fuori e il suo starne fuori lo fa entrare sempre più dentro e quando anche difendersi diventa pericoloso bisogna trovare una soluzione.
Libro sulla stupidità umana, dei benpensanti, del gregge, ma anche punto della situazione nazionale.
Si legge veloce… nonostante il ginocchio valgo.
 

Siria.Scatti con Parole a cura di Alberto Gherardi e Alessandro Greco

Chi segue le nostre pagine su Gufetto avrà letto di Alessandro Greco e di Alberto Gherardi. Il primo abilissimo curatore impegnato in una letterarietà sociale è molto vicino ad alcune nostre idee.
I due tornano con un'antologia decisamente coraggiosa, controcorrente e magistralmente condotta in un territorio affatto facile, dove la banalità e la superficialità del marketing sono sempre in agguato.
SIRIA.SCATTI CON PAROLE (Miraggi Edizioni) affronta attraverso le immagini dei fotoreporter Al Balad, Matthias Canapini ed Enea Discepoli e le parole di 26 scrittori (Alessandro Greco, Alberto Gherardi, Davide Sapienza, Marco Giacosa, Andrea Malabaila, Alex Pietrogiacomi, Romano De Marco, Giovanni Cocco, Marco Candida, Gianluca Mercadante, Sergio Aquino, Fabio Costantini, Stefano Piedimonte, Mauro Marcialis, Sacha Naspini, Elena Mearini, Sabrina Campolongo, Francesco Formaggi, Simona Castiglione, Christian Mascheroni, Ornella Bramani, Angela Iantosca, Cristina Zagaria, Alessandro Cinquegrani, Noemi Cuffia, Fabio Mendolicchio).
 

La Storia non dorme mai: il Circolo Proudhon si racconta

“La Storia non dorme mai” è il titolo del primo saggio edito da Circolo Proudhon, un progetto editoriale molto interessante e piacevolmente dissidente, che si fonda sulla esigenza anti-conformista di creare uno spazio libero di riflessione su tematiche storico-filosofiche e politiche.
 

Semplice, Elegante l'intervista

Alex Pietrogiacomi, oltre ad essere il nostro caporedattore è anche un collega stimato che è uscito con il suo nuovo libro -per la Giubilei-Regnani- “Semplice, Elegante. Piccolo prontuario ad uso del moderno gentleman” con le raffinate fotografie di Laura Pacelli a corredare un piccolo e prezioso manabile adatto a qualunque palato.
 

Semplice, Elegante di Alex Pietrogiacomi

SEMPLICE,ELEGANTE è un piccolo compendio (un prontuario, come cita lo stesso sottotitolo) di buone maniere, regole dell’abbigliamento e del mondo maschile scritto dal nostro caporedattore Alex Pietrogiacomi (che frequenta con la stessa nonchalance sia gli ambienti del metal estremo che quelli dei gentlemen inglesi e non è affatto nuovo a queste pubblicazioni),  che potrete trovare in libreria in questi giorni.
 

Il paese dove tutto è possibile di Elisa Simonelli

Difficile credere nell'Italia, nel lavoro, nella possibilità di un futuro che possa vederci protagonisti in qualche modo.
Parlo al plurale (oltre che per la mia appartenenza a questo fantastico trio, anche per una ragiona generazionale che mi pone come il più "gggiovane" del nostro culto), mi ci metto anche io, che ho appena iniziato, che mi sto "facendo le ossa" ma che poi vedo davanti a me soltanto "generazioni" di giornalisti, critici, figli del figlio del figlio del figlio... e mi viene voglia di lasciare tutto al macero.
 

Fiuggi Platea Europa ospita FESTIVALMENTE dedicato alla mente

Al via la XXV edizione di FiuggiPlateaEuropa, che torna con lo smalto impeccabile di sempre tenuto vivo dal suo patron PINO PELLONI.
Una tre giorni importantissima dedicata alla mente, ospitata da FPE, dal titolo FESTIVALMENTE, che non mancherà di stupire.
Di seguito il comunicato stampa.
 

Il vento è un'autostrada per pollini di Renato Ariano

Ci sono libri magici. Libri che nascondono viaggi nel viaggio, lontani dalla morale favolistica e vicina all'esistenza umana e al suo miglioramento.
 

Una bella bici che va a cura di Isabella Borghese

"La bicicletta non è solo un mezzo. Crea vita attorno a sé".
A dirlo è Isabella Borghese, scrittrice, giornalista e curatrice di questa antologia uscita per Giulio Perrone Editre.
A leggere i 25 racconti ci si convince di questa frase, di questa affermazione e si entra in un microverso fatto di esperienze personali, richiami sportivi, città possedute o che posseggono, tuffi nel passato e strada macinata.
Una strada fatta di ciottoli, sterrato, asfalto e anime, dove perdere il fiato, svuotare i polmoni oppure riempirli nuovamente.
 

Oggi a Roma presentazione di KATIUSCIA LA DIVA RIBELLE

26 Maggio 2014 ore 18.30
 
Università eCampus
 

Intervista Immaginaria Con Karl Marx di Donald Sassoon

Delizioso libello pubblicato dalla casa editrice Castelvecchi, nella rinnovata collana (etcetera), questa Intervista immaginaria con Karl Marx, rappresenta una riuscitissima e convincente operazione che mescola gonzo journalism e storiografia biografica.
 

Una cauta sapienza. Il medico, la parola e la cura. di Paolo Maggi

Parlare di medici o dei medici significa, il più delle volte, entrare in un tunnel fatto di invettive, oscenità e rabbia.
La figura del curatore infatti, è mal vista, priva di qualsiasi azione degna di fiducia e soprattutto considerata oscenamente spocchiosa e lontana dalle vere problematiche del paziente (vero).
 

Panico di Lorenzo Calza

“Quando incontri la vita
non sciuparla amandola troppo
o girandoci intorno
staccane un pezzo alla volta
carne da carne
fino a trovarne il fondo
quando incontri la vita
stringila a pugno
e respirala forte
prima che agitata voli via”
 

Arancia Meccanica di Anthony Burgess

Come si fa a leggere il romanzo di ARANCIA MECCANICA evitando alla mente di ripercorrere ad ogni pagina i passi cinematografici del suo protagonista? Gli arrangiamenti stilistici del genio di Kubrick e il linguaggio fuori misura di tutti?
Un esperimento che ho voluto fare in questo periodo ha dato la risposta alla mia domanda iniziale.
 

Milano 16 e 17 Aprile, due giorni con GIULIO PERRONE

 
Paolo Maggi
 
UNA CAUTA SAPIENZA
Il medico, la parola e la cura
 

Nulla, solo la notte di John Williams

Si può parlare di questo romanzo in molti modi.
Partendo dal suo autore, uno straordinario autore, che con STONER – e sempre grazie alla lungimiranza dell’editore Fazi – ha regalato un nuovo rinascimento letterario nel panorama opaco e sbiadito dei lettori italiani.
 

Dizionario enciclopedico dei misteri e dei segreti

Libro utilissimo per avere a portata di mano un po' di tutto del panorama misterioso, soprattutto riguardo pseudoscienza, massoneria, ordini mondiali, teorie cospirazioniste.
Attraverso schede riassuntive - che compilano un'opera che vorrebbe essere un compendio di 10.000 anni della nostra storia- il lettore si trova invischiato in un mondo alternativo al nostro, dove scienza, mito, antropologia e società si mescolano in un viaggio quasi troppo surreale.
 

C'è posto tra gli indiani di Alessio Dimartino

"Questa storia qua narra di un uomo che forse continua a vivere o forse muore, in quanto ha iniziato a morire già da parecchio tempo. Quindi, forse, questa storia qua narra di un uomo che forse continua a iniziare a morire o forse muore e oplà".
Potrei finirla qui, la mia recensione sarebbe anche conclusa. Si spiega la trama, si vede lo stile dello scrittore... a che servirebbe continuare?
Bé in realtà, a dirvi che il romanzo "C'è posto tra gli indiani" (pubblicato dalla romana Perrone) è un bel calcio negli zebedei del piattume narrativo che domina librerie e charts.
 

Roma 25 Marzo: "C'è posto tra gli indiani" presentazione del romanzo di Alessio Di Martino

25 Marzo ore 18.00
Arion Esposizioni, Via Milano, 15-17 (angolo via Nazionale), Roma
 

I 100 migliori dischi del progressive italiano presentato a Milano

 FELTRINELLI
 

Il Credo dell'uomo libero di Bertrand Russell

Qual è il sintomo di una rivoluzione? Quella scintilla che la fa scattare e rendere totalizzante il fuoco dell'ostilità?
Dove si annida e come si attiva?
Dopo aver letto questo libro il germe del rigetto alla normalità finora vissuta si fa immediatamente sentire... diventa virus implacabile e coinvolge ogni molecola del nostro essere, fin dentro lo spirito stesso.
Soprattutto, una volta sedimentato il flusso cognitivo, alla fine arriva la risposta: in noi e nella nostra intelligenza.
Russell, qui in una veste assolutamente inedita, ci fa sgranare gli occhi su troppi aspetti del nostro mondo, del nostro universo sociale che non funzionano, funzionano male e sono viziati da utopie personali e distorte.
IL CREDO DELL'UOMO LIBERO, lascia il tempo di prendere fiato, come prima di un tuffo, per poi gettarsi in un cambiamento che ognuno di noi può realizzare attraverso una sana auto-consapevolezza del proprio essere su questa terra e in rapporto con ciò che ci circonda.
La politica ruffiana e fumosa, la legge e l'ordine così primitivi ("[...] legge o ordine sono sempre ostili alle innovazioni e gli innovatori sono quasi sempre, e fino a un certo punto, degli anarchici"), l'etica come riscoperta, la guerra e molto altro sono gli argomenti fondanti di queste riflessioni che accendono la fiamma del cosa possiamo fare per cambiare.
 

Swedish Death Metal di Daniel Ekeroth

SDM non è soltanto un percorso-costruito magistralmente- nella nascita, evoluzione e "morte" del death svedese, ma anche un invidiabile sorta di Annale di un passato lontano e di una genesi caotica, viscerale e decisamente entropica.
 

Il grande libro dell'Heavy Metal a cura di Gianni della Cioppa

The Oyster Cult diviso da questo libro di Giunti, che si propone come un viaggio semi esaustivo (o meglio, non si propone così dichiaratamente, ma di certo la voglia di essere un prodotto editoriale il più consultabile possibile c'è) nel mondo del metal.
 

Di bene in peggio di Paul Watzlawich

Cerchiamo ogni giorno rassicurazioni, certezze, risposte a domande forse troppo complicate nella loro semplicistica chiarezza.
 

Muhammad Ali. Storia Di Una Rivoluzione Di Andrea Bacci

“Vola come una farfalla, pungi come un’ape”
Basterebbe questa citazione per far luce sulla figura, controversa e maestosa di Muhammad Ali.
Sull’uomo prima dello sportivo, prima del pugile, prima del campione e della leggenda.
 

Death by Metal di Rino Gissi

Un assoluto e affascinante omaggio al fondatore del Death Metal.
Il primo libro che si sia mai visto (non mi sembra che nel mondo ce ne siano altri) che tratti della figura amata e controversa di Chuck Shuldiner.
 

Il galateo della crisi di Stefano Denti

Torna Stefano Denti, già nostro ospite per il divertente “Il plurale di cacao”, con un nuovo libello pubblicato per Imprimatur (marchio di Aliberti) dal titolo IL GALATEO DELLA CRISI.
 

I provinciali di Ilaria Giannini

La famiglia è un polmone. Il nostro polmone. Soprattutto quella che ci ha generato, quella da cui proveniamo può essere definita così.
 

Il Vangelo Secondo Lebowski Di Benjamin-Eutsey

Il Drugo è decisamente uno dei miti contemporanei in cui più incappiamo. Dalle citazioni del film, alle chiacchiere tra amici, dalla musica agli omaggi cinematografici e animati, il suo stile inconfondibile rischiara i volti dei suoi devoti (e non solo) di un sorriso formidabile e pacioso.
Lebowski è la vivificazione del concetto del “Prendila come viene”. L’annullamento di ogni ostruzionismo sociale, mentale, intellettuale e fisico che possa interferire con il vivere semplice e per stare bene. In sintonia con il proprio io e l’esterno.
Non ci fermeremo a discutere sulla pellicola che al tempo fu un mezzo (?) disastro rivalutato con il passare del tempo fino a diventare un gioiello presente in molte cineteche mondiali, ma su quello che che il Drugo ha veicolato verso il mondo: il messaggio dudeista.
Perché, di Drugo non c’è n’è stato solo uno nel corso della storia; perché il dudeismo non è solo una filosofia ma una vera e propria (non) religione, con tanto di Chiesa dell’Avvento del Drugo (fondata da uno degli autori Oliver Benjamin) e suoi prelati e ordini (come Dwaine Eutsey, Arcivescovo dudeista e fondatore dell’ordine monastico dei Fratelli Shamus). Il Drugo è un incarnato di riappropriazione del proprio libero spazio nel proprio libero pensiero, una rivoluzione -senza alcun tipo di applicazione metodica- contro l’oppressione dei fatti incombenti (di cui possiamo entrare a far parte anche inconsapevolmente) e di persone che spesso ci mettono in mezzo perché non hanno la capacità di prendersi le loro responsabilità (rischiando grosso il più delle volte). Ecco, il Drugo è un movente per un’evoluzione catartica dell’Io, che può riportare alla conoscenza più pura e avulsa da ogni tipo di “fastidio” esterno alla propria felicità.
 

Fabrizio De Andrè- Canzoni nascoste storie segrete Autore di Walter Pistarini

Quando mi è stato proposto di scrivere una recensione che parlasse di Fabrizio “Faber” De Andrè sono stato colto da un momento di indescrivibile entusiasmo. Perché? Perché sono cresciuto nel mito di De Andrè, con le sue canzoni, le sue poesie, la sua musica.
 

Cahier de cuisine a cura di Walter e Jean David Eynard

Oggi si parla tantissimo di cucina.
La televisione, i reality, i libri, gli pseudo cuochi/cuoche e gli chef stellati impazzano ovunque.
Non c’è giornale, non c’è donna o uomo che non si cimenti nell’arte del cucinare e non si possa (auto)definire cuoco-chef dopo aver messo del sale nell’acqua.
Nessuno più conosce le materie prime, l’intimità casalinga del cucinare, quel rapporto strettamente confidenziale, carnale, con le materie prime… non conosce più il senso – anche empirico, perché no?!- stesso del preparare ciò che si mangerà.
A venire incontro a questo senso di assoluta plasticità attitudinale arriva il Cahier de cuisine. Un ricettario del 1809 a cura di Walter e Jean David Eynard per la casa editrice Claudiana.
 

Le Prince noir a cura di Alessandro Greco

Andrè Hèléna è stato uno scrittore Francese tra i più influenti del genere noir.
 

Cronache vere a cura di Vicolo Cannery


 
LA REDAZIONE LIBRI DI GUFETTO IMPAZZITA!!!
 

Foto/Grammi dell'anima di Massimo Bisotti

Massimo Bisotti è arrivato del tutto inaspettato. Non conoscevo questo "caso editoriale" e i suoi lavori. Tantomeno credevo ci potesse essere un seguito così coeso dietro all'autore romano.
Alla fine della lettura l'ho trovato una bella sorpresa.

Andiamo per ordine. Parlo di caso editoriale perché, come viene scritto nel comunicato stampa (e come ho accertato) Bisotti ha venduto con il suo LA LUNA BLU oltre 20000 copie, costruendo un flusso in libreria che va tutt'altro che esaurendosi; è da poco tempo balzato in classifica dei più venduti di Mondadori.it; ha avuto un'accoglienza da parte dei librai (sempre più restii) a dir poco strepitosa contando su un numero di copie prenotate davvero importante. Non parliamo certamente di Fabio Volo (e meno male forse) ma per una casa editrice, coerente e lungimirante come le edizioni Psiconline, è decisamente un vero fenomeno letterario, con le dovute proporzioni.
Quando invece mi riferisco al suo seguito, devo dire che è degno di una pop star e ci sono lettori di ogni età che scrivono le sue frasi sui muri dei locali, lo seguono nei suoi spostamenti promozionali e lo amano davvero.
Le libere [im]perfezioni dell'anima che ci mostra Massimo, sono fiabesche intenzioni di recupero di una spiritualità assolutamente laica, lontana da discorsi religiosi o di credo moralizzatore. C'è l'essere umano che si ritrova e cerca di dare un senso a chi è e chi lo circonda.
In una prosa delicata, che può anche far storcere il naso a molti per il suo afflato così "buonista", la genuinità del pensiero e degli intenti dello scrittore escono tutti fuori attraverso Api Regine, Istrici Malinconiche, Bambini che parlano alla Luna, interpunzioni musicali etc. La morale, se così si può chiamare dato che mi sembra più uno spunto di riflessione, che ne esce fuori tende a non essere mai un dito puntato, bensì un'amichevole pacca sulla spalla, un incoraggiamento a parlare e a parlarsi in un continuo rimescolamento dell'anima e dei suoi frammenti, che si rincorrono in un re-incollarsi o in ristringersi attorno al nucleo fondamentale di questa raccolta (che ho dimenticato di dire, esce in una nuova edizione) ovvero il cuore.
Chi vorrà leggere per la prima volta Bisotti si troverà in un microcosmo fatto di sensazioni, di deja-vù letterari, di pacatezza che forse, e mi ripeto, potranno non andare giù, ma che se lette senza nessun pregiudizio daranno modo a qualcosa dentro di sé di germogliare e trovare la sua strada tra i rovi di un'esistenza sempre più convulsa e lontana dal nostro vero Io.
 

Profumo - Storia di un assassino

SINESTESIA.                                                               
 

La mia fine del mondo di Stefano Ceccarelli

“L’ultimo anno, l’ultimo giorno, avrebbe voluto viverlo in tutt’altra maniera. Arrivare primo in classifica con un disco e guadagnare soldi a palate o accompagnare un amico al provino di un film e diventarne protagonista al posto suo, o incontrare gli aliene e farsi spiegare un sacco di cose, per esempio come si fa  a leggere nella mente degli altri. Ce n’erano di altre di cose che avrebbe scelto di fare in quell’anno che rimaneva da passare sul pianeta ma, via via che avanzava nel cortile della scuola nuova, gli sembrava che una mano dispettosa gliele cancellasse tutte dalla lavagna dei suoi pensieri”.
 

La sindrome dell'Ira di Dio di Giovanni Di Iacovo

Pindarico come un tema squisitamente fuori traccia, il romanzo scoperchia un universo fatato e grottesco capitanato dal genio pazzoide Victor Lockwood, fondatore e demiurgo dell’omonima Repubblica Democratica, micronazione indipendente nel cuore di Londra, e da Liebe, affascinante escort misteriosamente priva dell’occhio sinistro.
 

Il futuro che non c'era. Storie di donne e di vite negate

Il termine Femminicidio risuona da tempo sulle cronache e nelle Tv dei nostri appartamenti. Urla con un fragore assordante la sua giustizia. La giustizia di milioni di donne. Ragazze come Simonetta Cesaroni, Elisa Claps, Yara Gambirasio, Meredith Kercher, Carmela Petrucci, Melania rea, Sarah Scazzi e Vanessa Scialfaa cui è stata interrotta la giovinezza e la vita da “uomini” che conoscevano o pensavano di conoscere. Vittime di violenza efferata, intrisa di rabbia, angoscia e buio.
 

Arriva Toscani Maledetti

Sta per arrivare in tutte le librerie un'antologia davvero interessante, soprattutto per il fatto che fa da termometro della situazione febbricitante della narrativa italiana e in particolar modo di quella toscana.
 

Il nido dei bastardi di Mauro Anelli

Mi dicono di dire che riprendiamo in mano le redini editoriali da oggi e che quindi dovrete soltanto aspettarne delle belle.
 

Viaggio nella notte di Massimiliano Santarossa

Una lama che parte dal polpastrello del medio della mano e lentamente si fa strada verso l’ascella del lettore. Attimo dopo attimo, respiro dopo respiro, millimetro dopo millimetro, aprendo la carne per mostrare la sua reale consistenza. La storia e il protagonista di Massimiliano Santarossa fanno così male per il dolore che recano con sé e soprattutto per la lucidità e la veridicità nell’affrontare la società che in questo fardello quotidiano chiamato vita- che tutti abbiamo poggiato sull’atlante dinoccolato della nostra testa senza curarci del peso e del contenuto – si annidano.
 

Biglietto, prego. 21 racconti da viaggio


Da domani troverete in libreria BIGLIETTO, PREGO pubblicato dalla Zero91.
 

E cadde la neve di William Kotzwinkle

Quello di William Kotzwinkle è un romanzo breve di grandissima delicatezza e introspezione che però suona universale come una canzone atavica che fa parte del nostro inconscio ma che è stata dimenticata a causa delle dinamiche sociali, religiose e compassionevoli di cui siamo vittime durante la nostra esistenza.
 

Alla ricerca del piacere di Richard Mason

Leggendo Alla ricerca del piacere di Richard Mason (Eianudi), si ha la sottile e persistente sensazione di essere sul punto di essere sorpresi da qualcuno, che non dovrebbe vederci né saperci in atti così lubrichi, proprio quando il piacere sta scivolando fuori dalla propria carne. Si ha dunque il tremito eccitante del gioco bilanciato nel proprio animo tra paura ed eccitazione, si vive la passionale ascesa del fisico che spinge, si getta e affonda con ogni suo poro nell’incomprensibile varco del godimento.
 

Intervista a Fabrizio Gabrielli. Sforbiciate storie di pallone ma anche no

“A me il calcio fa schifo” con queste lapidarie parole ho messo la croce su tutte le aspettative di mio padre che mi voleva in mezzo agli altri a rincorrere la palla e invece mi ha ritrovato a distanza a farle girare le palle. Ma questa è un’ altra storia.
 

Intervista a Carlo A. Martigli

Carlo A. Martigli. Difficile riassumere questo scrittore italiano in poche righe. Ex dirigente di banca che pentitosi si è lanciato nella letteratura con risultati che sono a dir poco strabilianti, basta dire che il suo 999 L’ultimo custode è diventato un best seller internazionale.
 

Intervista a Gianfranco Franchi sull'Arte del Piano B

 
 

BALDO DIODATO: Tomografie d’Arte Contemporanea. di Francesco Franco

Il nome dell'autore sembra un gioco di parole e richiama alla mente spiacevoli pagine di storia, il titolo evoca atmosfere medievali e rischia di essere fuorviante per chi non pratica l’arte contemporanea. Cos'è, il dialogo immaginario di una bella pagina di letteratura? Acqua, acqua...Neppure la copertina, candida e neutrale ti aiuta.
 

Fuoco su Napoli di Ruggero Cappuccio

La immaginiamo eterna e bellissima, serena e magnetica, come in quelle   cartoline del Settecento. Ma Napoli è una bella signora che tiene il culo su una polveriera. E cosa succederebbe se questa polveriera esplodesse oggi, se i Campi Flegrei smettessero l'abito bucolico rinverdendo antichi fasti?
 

L'Incal- L'integrale di Jodorowsky e Moebius

L’Incal - l’integrale (Magic Press Edizioni) è uno dei capolavori del fumetto, un romanzo grafico firmato da due giganti  come Jodorowsky e Moebius, una saga che uscì in più volumi e che oggi viene riproposta in unicum con i colori originali restaurati.
 
seguici su Facebook
seguici su Linkedin
seguici su Google +
seguici su Pinterest
seguici su Twitter