IL FU MATTIA PASCAL@PIRANDELLIANA 2014 - Pirandello all'Aventino, fra suggestioni letterarie e filosofiche - Gufetto Magazine

Gufetto.it- Recensioni Teatro Roma

IL FU MATTIA PASCAL@PIRANDELLIANA 2014 - Pirandello all'Aventino, fra suggestioni letterarie e filosofiche

Nella splendida cornice del Giardino della Basilica dei Santi Bonifacio e Alessio va in scena “Pirandelliana”, un evento giunto ormai alla XVI Edizione: quest’anno in scena “Il fu Mattia Pascal” dal 16 luglio ogni mercoledì, il venerdì e la domenica e “Il giuoco delle parti”, che verrà rappresentato il martedì, il giovedì e il sabato fino al 10 Agosto.

Abbiamo assistito a “Il fu Mattia Pascal” messo in scena dalla compagnia Bottega delle Maschere, con la regia dello stesso Amici: bisogna riconoscere a questa Compagnia, che dagli anni 80 porta in scena testi pirandelliani, il merito di aver dato nuovamente vita ad un testo letterario, e non teatrale, difficile da proporre per via delle tante vicende presenti e inconcepibile senza la citazione degli articolati riferimenti eruditi e filosofici che Pirandello sparge nel brano. Il testo rappresentato ci riesce, forse indugiando troppo (nel primo atto) in quei passaggi riflessivi del Pascal, che sono i ritrovi “filosofici” dell’autore, momenti però estremamente significativi e ineludibili: l’opera si prende così lo spazio di due atti, che corrono piacevolmente in quasi due ore di spettacolo.

L’opera ha un suo brio rappresentativo interessante: in scena lo stesso Mattia Pascal, interpretato da Amici, che racconta, a ritroso, la sua vita incredibile, messa in scena dagli attori della Compagnia. Si racconta del matrimonio del Pascal, della sua presunta notizia di morte, della vincita al Casinò e del trasferimento a Roma sotto falso nome fino al ritorno a casa per riprendersi ciò che è suo. Il tutto intramezzato da spunti comici (divertenti gli scambi comici con Oliva Malagna, interpretata da una spassosa Antonella Arduini) che andrebbero forse maggiormente valorizzati.
Il riadattamento è curato dallo stesso Amici, mantiene il tono umoristico pirandelliano e solo a tratti si apre a spunti ironici con studiata precisione: resta piuttosto attento a non perdere le preziose divagazioni letterarie - filosofiche del testo originario, affidate quasi tutte allo stesso Amici, pagando, però, nel primo atto una certa lentezza, poi recuperata in alcuni passaggi comici successivi. Il secondo atto, invece è quello più interessante dove lo stesso Amici smette di narrare e partecipa alle vicende in prima persona, dando maggiore ritmo alle vicende rappresentate che qua e la potrebbero essere ridotte.

Oltre alla bella soluzione scelta per la rappresentazione di un testo letterario molto complesso, Amici da prova di consumato attore, domina la scena anche quando è in ombra; qualche imprecisione è ampiamente permessa in un testo come quello pirandelliano, verboso volutamente concettoso e rispettato in questa sua caratteristica con grande attenzione e rispetto.
Gli attori della Compagnia, che spesso interpretano più ruoli, gestiscono bene gli spazi scenici, si muovono con grande coordinazione nelle continue entrate e uscite dalle scene: fra tutti spicca Anna Varlese nel ruolo della Zia Scolastica e soprattutto nel ruolo di Silvia Caporale, dove riesce a comunicare intensità drammatica e spigliatezza al pari di Amici.
Un’opera assolutamente da vedere, non solo per il bellissimo contesto rappresentativo dell’Aventino, ma anche per (ri)scoprire i contenuti e le riflessioni de “Il fu Mattia Pascal”, un’opera letteraria resa Teatro con la grande cura e maestria, frutto del pensiero di uno dei più grandi letterati e drammaturghi del ventesimo secolo.

IL GIUOCO DELLE PARTI

IL FU MATTIA PASCAL

adattamento teatrale di Marcello Amici
di Luigi Pirandello
con
Massimo Folgori, Carlo Bari, Giulia Crescente, Antonella Arduini, Daniele Borzelli,
Marcello Amici, Marco Vincenzetti, Vita Pugliese, Anna Varlese, Andrea Carpiceci, Alessandra Ferro, Marica Malgarini, Martina Meddi
Scene Marcello de Lu Vrau - Costumi Natalia Adriani
Regia di Marcello Amici

Basilica Santi Bonifacio e Alessio

Piazza di Sant'Alessio, 23, 00153 Roma
Telefono:06 574 3446
Inizio spettacoli ore 21.15 - fine spettacoli ore 23.20
apertura botteghino ore 20 - lunedì riposo
Informazioni e prenotazioni: 06.6620982 (orario: 10.00/13.00 - 16.00/20.30)

seguici su Facebook
seguici su Linkedin
seguici su Google +
seguici su Pinterest
seguici su Twitter