Recensioni Teatro Roma - Gufetto Magazine

MOLTO RUMORE PER NULLA@Globe Theatre: Shakespeare e Tarantella, un magistrale connubio

Il Silvano Toti Globe Theatre di Roma ci regala una fantastica rappresentazione di "Molto Rumore Per Nulla" di Shakespeare, con la magistrale regia di Loredana Scaramella, che interviene, in apertura, ringraziando personalmente il pubblico di essere lì e ricordando che quest'anno il Globe ha avuto difficoltà a restare aperto.
 

CIVITA FESTIVAL: Pasolini sulle note di Bach

Giovedì 23 luglio alle 21:30 la XXVII edizione del Civita festival a Civita Castellana si è conclusa con un omaggio speciale di Ennio Fantastichini a Pierpaolo Pasolini sulle note di J. S. Bach, nella bellissima cornice del Forte Sangallo.
 

RE LEAR@Globe Theatre: Il Re Lear e i giovani

Dal 16 di luglio al 2 di agosto è in scena al Silvano Toti Globe Theatre il “RE LEAR” con la regia di Daniele Salvo. Una rappresentazione al Globe è sempre una sfida particolare per un regista teatrale; non solo: si deve adattare a un luogo singolare che mira a riprodurre la struttura del Globe shakespeariano (e quindi, lo spazio assai ristretto, il contatto con il pubblico più vicino del solito, il parterre senza sedie, il palcoscenico con grandi balconi, e, non per ultimo, il cielo stellato sopra le teste degli attori e del pubblico, il quale risente molto del calore di una “notte di mezza estate”, a 37 gradi poi...).
 

PIRANDELLIANA 2015: SEI PERSONAGGI IN CERCA D'AUTORE: sull’Aventino rivive il Teatro nel Teatro

Dal 9 luglio è partita a Roma la XIX edizione di Pirandelliana, rassegna teatrale che ogni estate mette in scena opere di Luigi Pirandello. Con la regia di Marcello Amici, la compagnia La Bottega delle Maschere quest'anno presenta SEI PERSONAGGI IN CERCA D'AUTORE e ATTI UNICI, che si alternano nelle serate che hanno come location il meraviglioso cortile all'aperto della Basilica dei Santi Bonifacio e Alessio all'Aventino, dal quale si può ammirare una incantevole veduta sul centro di Roma.
 

SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE@Globe Theatre: siamo fatti della stessa materia dei sogni

Sul palco del Globe Theatre di villa Borghese è andato in scena, fino al 12 luglio, SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE di William Shakespeare. Per il decimo anno consecutivo lo spettacolo, diretto da Roberto Cavallo, riempie i palchi e la platea di questo meraviglioso teatro elisabettiano, che dal 2003 ci permette di riassaporare i grandi classici Shakespeariani.
 

PAPPA REALE@Teatro Elettra: la rigidità dell’alveare umano

È andato in scena il 25, 26, e 27 giugno alle ore 20.30 e domenica 28 giugno alle ore 18.00 al Teatro Elettra, PAPPA REALE, il sesto e ultimo spettacolo in gara al concorso Diversamente stabili, organizzato e condotto dalla compagnia del Teatro della Colazione, scritto da Luigi Passarelli, diretto da Gabriele Paupini e interpretato da Arianna Paravani, Alice Di Carlo, Benedetta Parisi, Ettore Cassetta.
 

ROMA FRINGE FESTIVAL-PANIC: a contatto con personalità stravaganti

A fare la comparsa sul palco del Fringe Festival di Roma c'è PANIC, una piéce ideata da Luogocomune Danza, compagnia nata a Roma nel 2011 dalla collaborazione di sei danzatrici provenienti da una formazione comune, con il desiderio di portare avanti un progetto di ricerca collettivo, e interpretata da Maria Elena Curzi, Silvia Franci, Eva Grieco e Chiara Pacioni.
 

SABBIA: granelli di vita al Teatro Argentina

Scritto e diretto da Riccardo Vannuccini, è andato in scena il 12 e il 13 giugno al Teatro Agentina di Roma, “SABBIA”, spettacolo realizzato a conclusione di un laboratorio teatrale che ha coinvolto i rifugiati del Centro Accoglienza richiedenti Asilo di Castelnuovo di Porto, che ne sono gli attori protagonisti.
 

PAOLO E GIOVANNI@Teatro Conciatori: avevate dubbi?

Dal 26 maggio e fino a domenica 31, al Teatro dei Conciatori c’è uno spettacolo d’impegno puro “PAOLO E GIOVANNI” dedicato a Falcone e Borsellino, testo e regia di Gianluca Barbagallo, che interpreta anche Paolo Borsellino, con Nicola Iodati che è Giovanni Falcone.
 

PENSARE-Programma delicato@Teatro Elettra: siamo la somma dei nostri ricordi?

“PENSARE – PROGRAMMA DELICATO” è il penultimo appuntamento del Concorso Diversamente stabili, in scena al Teatro Elettra fino al 31 maggio. Lo spettacolo vincitore, a fine Luglio sarà premiato da Gufetto.it con il Gufetto d’argento.
 

M’ISCRIVO AI TERRORISTI@TEATRO AMBRA ALLA GARBATELLA: ma il paranormale esiste?

Dal 28 al 31 maggio, il Teatro Ambra alla Garbatella ospita il debutto di “M'ISCRIVO AI TERRORISTI”, il nuovo spettacolo scritto e diretto da Gabriele Mazzucco, aiuto regia Federica Orrù, prodotto dalla Compagnia degli ArtiGialli.
 

DUE DONNE E UN ANTIFURTO in scena al Teatro de Satiri dal 13 al 24 maggio

Scritta da Alessandro Mancini e diretta da Pascal La Delfa, è in scena al Teatro dei Satiri dal 13 al 24 maggio, “Due donne e un antifurto”, originale ed allegra commedia, brillantemente interpretata da Angela De Prisco e Barbara Mazzoni.
 

FERRO@Teatro dei Conciatori: la bellezza femminile e l'indifferenza della società

Un colpo di fulmine, un viaggio a Parigi, una donna bellissima al suo fianco: sono i flashback del protagonista di “FERRO” lo spettacolo in scena al Teatro dei Conciatori fino al 24 maggio.
 

L’AMANTE@Teatro Stanze Segrete: l’ora dei sussurri

Dal 12 al 17 maggio è andato in scena nelle segrete stanze del Teatro Stanze Segrete, uno dei capolavori di Harold Pinter scritto nel 1962, “L'AMANTE”, diretto da Giuseppe Oppedisano, e interpretato da Maurizia Grossi e dallo stesso regista.
 

LA VOCE UMANA@Teatro Sala Uno intervista a Gloria Annovazzi

Una rappresentazione dall'estetica molto affascinante, “LA VOCE UMANA” di Jean Cocteau, diretto da Viviana Di Bert e interpretato da Gloria Annovazzi in scena al Teatro Sala Uno fino al 10 maggio.
 

BUKOWSKY@Teatro Cometa OFF: un pezzo di cielo nel cuore

Solo per tre giorni, dall’8 al 10 maggio, al Teatro Cometa Off, apprezzata perla nel cuore di Testaccio, è andato in scena BUKOWSKY A NIGHT WITH, uno spettacolo in ricordo di Henry Charles Bukowsky jr, poeta e scrittore della corrente letteraria chiamata “realismo sporco”.
 

Rassegna DOIT: UOMINI TERRA TERRA@Teatro Due: il terremoto fra fiaba e allegoria

Una fiaba allegorica piacevole, a tratti commovente, UOMINI TERRA TERRA, va in scena anche oggi (13 maggio) al Teatro Due per la rassegna DOIT. Ci lascia incantati come bambini e allo stesso tempo perplessi e piuttosto feriti come italiani di fronte alla narrazione, a tratti amara, di una delle più terribili catastrofi naturali italiane: il terremoto dell’Aquila del 2009.
 

NESSUNO MUORE@Teatro Cometa: un appassionato mosaico di anime

È in scena al Teatro della Cometa fino al 25 Maggio “NESSUNO MUORE” una commedia scritta e diretta da Luca De Bei che affronta i problemi della quotidianità in maniera lucida, profonda senza tralasciare nessun dettaglio anche quello più crudo, sconvolgente, inatteso.
 

GANG BANG@Casa Culture: una metafora postmoderna

Dal romanzo dello statunitense Chuck Palahniuk, lo spettacolo omonimo GANG BANG approda alla Casa delle Culture fino al 10 maggio.
 

DOPO LA PIOGGIA@Teatro di Documenti, spettacolo fantasy in versi

Dal 5 al 10 maggio, al Teatro Di Documenti è di scena DOPO LA PIOGGIA spettacolo fantasy di Francoise Rousseau Benedetti. I versi della poetessa francese si trasformano in immagini grazie alla regia di Anna Ceravolo.
 

Al Teatro Conciatori Scaffidi riporta in vita CLARA SCHUMANN

“Come si affronta l'invisibile?” A questa domanda tenta di dar risposta lo spettacolo in scena al Teatro dei Conciatori dal 28 aprile al 10 maggio, Clara Schumann nata Wieck, diretto da Antonio Serrano e da questi scritto assieme a Gianna Paola Scaffidi, che ne è unica magistrale interprete, accompagnata al pianoforte dal maestro Biagio Adriulli.
 

AFTER THE END@Teatro Orologio: un lento logorio dell'animo

Scritto dal drammaturgo inglese Dennis Kelly, AFTER THE END in scena al Teatro Orologio fino al 10 maggio è un avvincente thriller psicologico ambientato in un rifugio nucleare antiatomico degli anni Ottanta.
 

Rassegna DOIT@Teatro Due: MANUALE DISTRUZIONE: la desolazione dell’Attore privo di Bellezza

MANUALE DISTRUZIONE della Compagnia FATTI D’ARTE DI Bitonto (BA), è il terzo spettacolo della Rassegna DOIT, “Drammaturgie Oltre il Teatro” in scena al Teatro Due anche oggi (10 maggio). Si torna ad affrontare il tema della Bellezza, (come già nel precedente DORIS EVERY DAY) e della Perfezione fisica e artistica, mescolando le inquietudini e le aspirazioni artistiche frustrate di un’attrice con il tema della Bulimia quale strumento per raggiungere l’agognato successo.
 

TUTTE MIE!@Casa Culture,l'eternità delle voci

Solo per due giorni, 2 e 3 maggio alla Casa delle Culture, si rinnova un originale evento già andato in scena nella metà dello scorso dicembre sempre nello stesso teatro, “TUTTE MIE!”, spettacolo concerto di Giovanni Amodeo, dedicato a sette straordinarie artiste senza tempo: Aretha Franklin, Barbra Streisand, Mia Martini, Milva, Mina, Ornella Vanoni e Patty Pravo.
 

MAR DE PLATA@Teatro Vascello: la difficile marcia della Storia

Animato da una coinvolgente Isa Barzizza, con Maurizio Palladino e la compagnia di Teatro del laboratorio permanente Horti Lamiani, è in scena al Teatro Vascello di Roma dal 29 aprile al 3 maggio, “MAR DE PLATA(nipote n. 500)”, spettacolo che riporta alla memoria le tragiche vicende dell'Argentina degli anni '70.
 

Rassegna DOIT@Teatro Due: DORIS EVERY DAY, un inferno di bellezza

Al Teatro Due continua con DORIS EVERY DAY, la rassegna DOIT (Drammaturgie oltre il Teatro) che raccoglie ogni settimana fino al 24 maggio, otto interessanti drammaturgie da compagnie di tutta Italia, spettacoli fortemente orientati verso le tematiche sociali.
 

AMINTA@Teatro Quirinetta: al confine tra reale e finzione

Il giorno 28 aprile è andato in scena uno degli spettacoli de “IL MISTERO DELLA MENTE”, Festival del Teatro Sociale e delle Diversità, ideato dalla Nuova Accademia Internazionale d’Arte Drammatica – Q Academy,AMINTA” la favola pastorale del 1573 di Torquato Tasso, performato dagli allievi-attori del terzo anno e diretto da Sergio Basile.
 

Rassegna DOIT@Teatro Due: #TESSUTO, la Madre che mi manca

Nostalgico e intimista “#TESSUTO” della Cascina Barà di Pisa, apre la rassegna DOIT, Drammaturgie oltre il teatro, al Teatro Due e resta in scena anche domani 29 aprile.
 

LA DONNA FINE DEL MONDO@Teatro Tor Bella Monaca: un mosaico della storia del popolo serbo

Teatro di narrazione e di musica quello proposto da Duccio Camerini e Mauro Tiberi, assieme a Tullia Daniele, ne “LA DONNA FINE DEL MONDO” andato in scena al Teatro Tor Bella Monaca dal 24 al 26 aprile.

Le vicende intensamente raccontate sono tratte dal racconto “I tempi di Anika” del premio nobel Ivo Andrić e ripercorrono due secoli di storia serba, facendo perno sul personaggio di un'ammaliante quanto perversa figura femminile, croce e delizia della popolazione di un'intera cittadina e possibile allegoria di qualsivoglia strumento di seduzione capace di generare dipendenza e terrore contemporaneamente.
Da sfondo la Storia di un popolo complesso, delle figure religiose e politiche che lo hanno caratterizzato e che divengono, nella microstoria rappresentata, vittime indiscriminate del fascino seduttore della donna che dà il titolo alla vicenda, donna che è Donna, mostro sacro e icona di un femminile pericoloso, ma allo stesso tempo triste, perché mai risolto, mai capace di un reale incontro con l'altro. Toni disperati, comici, grotteschi, talvolta surreali si succedono nell'eloquio del bravissimo attore romano, che ne restituisce il valore con la medesima forza, con un ritmo incalzante, ma mai eccessivo, capace di catturare l'attenzione dello spettatore e di preservarla lungo tutto il fiume di parole trasferite.

Attenzione che rischia di essere costantemente distolta solo dalla performance musicale che accompagna tutta la narrazione, quella che del maestro Mauro Tiberi, che alterna e mescola il suono ipnotico della lyra pontiaca a quello potente e alternativo del contrabbasso, unendo di frequente modulazioni di cantato di consistenza onirica, mistica o forse semplicemente legate alle declinazioni multiculturali dell'ambientazione evocata. Musica che diviene essa stessa teatro dunque, forte di una consistenza che non la relega al ruolo di sottofondo della narrazione, ma che le permette di conferire ad essa corpo, struttura e ritmo.

Privo di artificio scenico e di ogni altra aggiunta alla parola e alla musica, lo spettacolo riesce esclusivamente grazie alla grandezza degli interpreti, anche quella di Tullia Daniele, che nei pochi interventi dalla sua posizione retrostante crea l'enfasi della figura femminile che impersona, ma soprattutto quella di Duccio Camerini che, regista e protagonista dello spettacolo stesso, riesce a condurre lo spettatore nelle architetture remote della storia evocata, divincolandosi a perfezione nella sequela di nomi, luoghi e ruoli che compongono una vicenda densa e complessa, un mosaico di immagini differenziate, pur nella presenza di un soggetto accentratore del dipanarsi della stessa.
Uno spettacolo che, se non fosse per l'opera di composizione musicale affascinante da vedersi oltre che ascoltarsi di Mauro Tiberi, potrebbe forse con egual godimento seguirsi ad occhi chiusi.
 

HAMPLETOPHELIA@Teatro Tor di IX: Amleto fra Ricerca e Rock Club

Al Teatro Tor di Nona è andato in scena Hamletophelia scritto e diretto da Luca Gaeta e tratto da William Shakespeare e Heiner: sulla scena Massimiliano Vado, Salvatore Rancatore, Federica Rosellini in un inferno post punk in cui tutto, dalle musiche, ai costumi, all'atmosfera dark, riporta alla Londra dei rock club.
 

IL VASETTO DI PANDORA@Teatro Agorà

Che fortuna sapere che gli spettatori del Teatro Agorà sono i veri superstiti della tragica teoria apocalittica de “Il Vasetto” di Pandora", in scena fino al 3 Maggio, scritto e diretto da Luciano Capponi.
 

LABIRINTO@Teatro Lo Spazio: la passione tinge dei propri colori tutto ciò che tocca

Andrà in scena dal 21 aprile al 3 maggio "LABIRINTO, PERCORSO NELLE PASSIONI" di Michela Francescangeli e Frediano Propersi che abbiamo intervistato a fine spettacolo.
 

TRE DESIDERI@Teatro dell’Orologio: attenti a ciò che si desidera!

Delicato, divertente e intriso di quel tradizionale retrogusto ironico tutto British, “TRE DESIDERI” di Ben Moor resta in scena fino al 26 aprile al Teatro dell’Orologio.
Si tratta di un testo leggero e piacevolmente surreale che racconta, non senza una leggera vena malinconica, la dinamica di un rapporto di coppia tradizionale alle prese con un ostacolo surreale: la possibile realizzazione dei Desideri di entrambi . L’esito non è scontato né prevedibile, ma anzi, più amaro di quanto si pensi.
 

CENERE 'spenta' al Teatro Elettra, fino al 26 aprile

Il concorso Diversamente stabili prosegue con il quarto spettacolo finalista: CENERE, scritto da Gianluca Arena e diretto da Eva Hribernik, in scena al Teatro Elettra fino al 24 aprile.
 

VELENO@Teatro de Servi, una comicità di cui non si può fare a meno

Roberto D'Alessandro ed Enzo Casertano sono delle vere e proprie macchine da guerra nel panorama teatrale comico italiano, e messi insieme su un palco, non possono che far scintille. I due attori sono perfetti in questa commedia "VELENO, IO NE FACCIO A MENO" in scena al teatro De'Servi fino al 10 maggio , anche grazie alla loro lampante diversità fisica, e danno il meglio di loro tra gag, battute, giochi di parole, doppi sensi e persino “romantiche” danze.
 

L'ULTIMA CENA@Casa delle Culture: l'intolleranza servita fredda

Scorre via facile la black comedy L’ULTIMA CENA in scena alla Casa delle Culture fino al 19 aprile. Lo spettacolo è messo in scena dalla giovane Compagnia Morlock di Roma, e riguarda il tema dell’intolleranza, della reazione all'intolleranza altrui e dei labili confini fra bene e male nella nostra società.
 

REALITI@Teatro Furio Camillo: originalità e coraggio per una buona prova di teatro contemporaneo

Andrà in scena ancora dal 23 al 26 aprile al teatro Furio Camillo, #REALITI, prima regia di Alessia Amendola e Michele Botrugno, spettacolo originale e coraggioso, ripropone tutte le dinamiche di un reality show in cui sei persone, uomini e donne, sono chiusi in un appartamento.
 

L'INVISIBILE CHE C'è@Teatro Nino Manfredi: fra lacrime e risate

Ne “L''INVISIBILE CHE C'è”, in replica al teatro Nino Manfredi di Ostia fino al 19 aprile, la scena è centralmente occupata dalle pareti di un condominio, a delineare la suddivisione esterno/ interno che dà corpo e significato alla storia rappresentata.
 

LA VELA NERA DI TESEO@Teatro dell’Orologio - nel labirinto del proprio io

Un’originale riscrittura e rilettura di Teseo, del suo Mito e del suo Fato, va in scena fino al 19 aprile al Teatro dell’Orologio, rinchiusa (è proprio il caso di dirlo) nello spettacolo “LA VELA NERA DI TESEO”. Un’opera da non perdere per quanti vogliono conoscere e riscoprire un mito in una chiave interpretativa diversa e ricca di spunti psicoanalitici tutt'altro che involontari.
 

LE TATE@Teatro Due: grazie di esistere!

Fino al 26 aprile al Teatro Due Roma, stabile d’essai dal 1985, c’è un raffinato spettacolo “LE TATE”, scritto e diretto da Alessandra Panelli, con Barbara Porta, Costanza Castracane e Sofia Diaz.
 

REISTENZA OUTBOUND@Teatro Kopò-la solitudine psichedelica del call center

“Buongiorno sono Guido codice operatore PM1!” ormai questo ritornello è familiare a molti giovani. Chi non ha fatto un’esperienza, seppur breve, in un call center? È dunque facile immedesimarsi nel protagonista dello spettacolo “RESISTENZA OUTBOUND” al Teatro Kopó di Roma fino al 12 aprile, penultimo spettacolo della stagione 2014/2015.
 

LA VITA InATTESA@Casa delle Culture: il privilegio di invecchiare

Solo per due giorni, l’11 e il 12 aprile, ha debuttato alla Casa delle Culture, “La vita InAttesa”, di e con Pino Grossi, con l’aiuto regia di Bernadetta Lucchetti.
 

ROBIN HOOD–IL VALORE DELLA GIUSTIZIA@Teatro Greco: un supereroe direttamente dal Medioevo

In scena al Teatro Greco fino al 12 aprile il musical diretto da Paolo Gatti, con le musiche e libretto di Simone Martino e Giuseppe Cartellà.
 

CYRANO...AL MIO AMORE@Teatro Ambra alla Garbatella – L'amore senza peccato di Bergerac

Dal 9 al 19 Aprile torna in scena al Teatro Ambra alla GarbatellaCYRANO...AL MIO AMORE”, spettacolo liberamente tratto dall' immortale opera di Edmond Rostand, prodotto da Blue in the Face, adattamento e regia di Enrico Maria Falconi.
 

DOPPIO SOGNO@Teatro Quirino: un labirintico delirio ipnotico

Onirico, sfuggente e complicato, DOPPIO SOGNO (eyes wide shut), per la regia di Giancarlo Marinelli, stordisce il Teatro Quirino e resta in scena fino al 19 aprile.
 

LA LEGGENDA DEL PIANTISTA SULL'OCEANO@Teatro dell'Angelo-Novecento torna a casa

Letta e riletta, raccontata e recitata al cinema come in teatro, LA LEGGENDA DEL PIANISTA SULL’OCEANO sarà di nuovo in scena al Teatro dell’Angelo fino al 19 aprile. Antonello Avallone interpreta “Novecento”, il fortunato monologo di Alessandro Baricco, entrato dal 2011 nel repertorio dell’attore romano.
 

POINT OF VIEW@Teatro Sette, tra ironia e arguto sarcasmo

Cosa succederebbe se gli eventi ci portassero a dover cambiare il nostro punto di vista sulle cose e sulle persone che ci sono più vicine? Succede in questa esilarante commedia "POINT OF VIEW"andata in scena fino al 2 aprile al Teatro Sette, dalla comicità intelligente e moderna, sempre sul filo dell'ironia e dell'arguto sarcasmo.
 

FESTA DELLA REPUBBLICA@Teatro Trastevere: l'Italia fra l'ossessione per lo schermo e la politica

Applaudito meritatamente, “FESTA DELLA REPUBBLICA” resta in scena fino al 4 aprile al Teatro Trastevere: si tratta di un’opera corale e divertente ben interpretata e soprattutto molto ben diretta che, partendo dal tema della Trattativa Stato–Mafia e dall'ossessione per la verità sugli intrighi politici più dibattuti, si ritrova a raccontare, non senza un certo cinismo, la società italiana contemporanea ossessionata dallo scoop, dal successo e dalla fama a tutti i costi.
 

UN ANNO SULL'ALTIPIANO: la Grande Guerra al Teatro dell’Orologio

Nell'ambito delle celebrazioni per il centenario della Prima guerra mondiale, il Teatro dell’Orologio di Roma ha portato sul palcoscenico della sala Moretti, dal 27 al 29 marzo, “UN ANNO SULL’ALTIPIANO”, tratto dall’omonimo romanzo di Emilio Lussu, adattato per il palcoscenico e recitato da Daniele Monachella, con l’accompagnamento musicale dell’etnomusicologo Andrea Congia alla chitarra ed effetti, e da Andrea Pisu alle launeddas e percussioni.
 

LE DIECI MASSIME@Casa delle Culture: assurdo ma non troppo

In scena alla Casa delle Culture dal 25 al 29 marzo la Compagnia Teatro Laboratorio Alkestis di Cagliari, con un lavoro di ricerca molto interessante, “Le dieci massime” ispirate a quattro particolari testi: “Mein Kampf” di Adolf Hitler, “Il grande quaderno” di A.Kristof, “Minima Moralia” di Adorno, e le lettere private di Himmler, scritto dai due attori/autori Sabrina Masci e Andrea Meloni, e diretti da Massimo Zordan.

La scena semi deserta è severa, una sedia centrale dove siede il protagonista, Andrea Meloni, abbigliato con maglia e mutandoni di lana bianca e sulla destra una tenda bianca trasparente che scende dall'alto; lo sconforto si legge nei suoi occhi, nei suoi gesti e nel suo essere, ma ha un sussulto di vitalità quando viene raggiunto da un’improbabile cameriera/tutor, Sabrina Masci, con un grembiule colorato, sandali rossi con il tacco, trucco vistoso e capelli con grossi bigodini.

I personaggi si muovono con autentica simmetria e tanto le parole di lui sono lagnose e semplici, tanto quelle di lei sono precise e affilate e colpiscono nel segno, lui si vuole lasciare andare incolpando un destino cinico e baro, lei gli insegna, lo sprona e lo forgia, per poter dirigere le masse che non sanno dove andare.
Soffici palloni gonfi e da gonfiare, ci rimandano a Chaplin, e al suo capolavoro “Il grande dittatore” sottolineando come può essere pericolosa l’ascesa di un uomo comune, spinto fortemente dalla sua ambizione personale e quanto il male sia banale.
In un crescendo di paradossi i due cominciano a capirsi e ad assomigliarsi sempre di più, fino ad annullare i confini in un grottesco finale.

Un teatro assurdo ma reale, che con prepotenza ci rinnova l’imbarazzo dei politici dei nostri giorni, ha però il pregio di farci pensare, attività praticata con difficoltà in questi tempi.
Lavoro molto denso, asciutto e raffinato, che lascia l’amaro nel cuore, sgomenta, turba, e stupisce per la lucidità e l’ineluttabile verità.
 

KOKOSCHKA E LA SPOSA DEL VENTO@Teatro di Documenti: la storia di un artista

La tormentata vita del pittore espressionista austriaco Oskar Kokoschka è stata messa in scena al Teatro di Documenti dal 25 al 29 marzo 2015, per la regia di Gastón Troiano.
 

PROCESSO ALL'INFANTICIDA MARIA FARRAR@Teatro Elettra: quante sono grottesche le gogne mediatiche

Ben recitato e grottescamente divertente, “IL PROCESSO ALL’INFANTICIDA MARIA FARRAR” riempie il Teatro Elettra fino a domenica 29 marzo: si tratta del terzo spettacolo del concorso “Diversamente stabili” ed è assolutamente da non perdere non solo per l’originalità della trama, ma anche per la messinscena curata e fresca, dinamica e spiritosa di un testo all'apparenza non declinabile in toni comici.
 

FRAMMENTI DA ČECHOV@Teatro Hamlet: malinconia e comicità in quattro opere di Čechov

Resterà in scena fino al 29 marzo al Teatro Hamlet del Pigneto, “FRAMMENTI DA CHECOV” di e con Gina Merulla, uno spettacolo in cui vengono rappresentati quattro atti unici, quattro piccoli quadretti del mondo cecoviano, davvero molto espressivi e ben curati.
 

INFECTION@Teatro Spazio Uno, in scena una commedia esoterico-digitale

Va in scena fino al 29 marzo al Teatro Spazio Uno lo spettacolo di Max Caprara “INFECTION” (Yuk & Lek) con Veronica Milaneschi, Daniele Coscarella, Michele Bevilacqua, Rosario Petix, Alessandro Cecchini e lo stesso Massimiliano Caprara.
 

FUOCO SU TRE SORELLE@Teatro Sala Uno: un nuovo sguardo sulle Tre Sorelle di Čechov

È andato in scena al Teatro Sala Uno fino al 22 marzo, FUOCO SU TRE SORELLE adattamento sperimentale dell’opera di Čechov: di seguito riportiamo la recensione allo spettacolo e l’intervista alla regista Viviana di Bert.
 

MEGALAPOLIS#43@Teatro Due Roma: luci sul massacro di Aytzinapa

All'interno della rassegna "A ROMA A ROMA", dal 17 al 19 marzo il teatro Due Roma diviene simbolicamente teatro del massacro di Aytzinapa, raccontato dallo spettacolo “MEGALAPOLIS#43”. Il 26 settembre del 2014, 43 studenti dell’università di Aytzinapa, citttadina Messicana, dopo aver partecipato alle celebrazioni per il 46° anniversario del massacro di Tlatelolco (in cui persero la vita 300 giovani) vengono a loro bruciati vivi e sepolti da tre rappresentanti del narco-governo messicano. Nonostante la confessione dei tre killer, la maggioranza dei giovani restano Desaparecidos finché non si potranno identificare i loro resti.
 
seguici su Facebook
seguici su Linkedin
seguici su Google +
seguici su Pinterest
seguici su Twitter