Brunico: Mercatino di Natale tra tradizione e innovazione - Gufetto Magazine

Brunico: Mercatino di Natale tra tradizione e innovazione

Brunico (Bruneck), deliziosa cittadina sita in Alto Adige nell’amena e verdeggiante Val Pusteria (Pustertal) di cui rappresenta il centro amministrativo, storico, culturale ed economico, è fondata, pur presentando segni di insediamenti dalla protostoria, dal principe-vescovo Bruno di Bullenstätten e Kirchberg da cui deriva il nome (Bruneke per l’aggiunta del suffisso ecke che significa ‘angolo’: il toponimo viene menzionato per la prima volta in un documento del 1256) e che vi fa costruire anche il castello che la domina.

Florida nei secoli anche per la posizione geografica privilegiata e legata alle vicende locali, oggi si presenta come un gioiello ben conservato con notevoli segni di modernità (al riguardo Brunico è stata eletta come seconda città italianacon la più alta qualità di vita: il 95% ca. delle famiglie è collegato con il teleriscaldamento con il risultato di una notevole riduzione di CO2e pronta ad accogliere sia d’inverno, sia d’estate chi vuole godersi alcuni giorni in un ambiente tranquillo e insieme vivace respirando aria pura.

In questo periodo dell’Avvento vi è un motivo in più per andarla a scoprire: il tradizionale Mercatino di Natale - caratteristico delle zone nordiche - che si presenta in tendenza con lo stile cittadino all’insegna della tradizione con segni di un’innovazione che non cancella, ma migliora ed esalta il passato.

Tutti i giorni fino al 6 gennaio (salvo il dì di Natale), rallegra gli spiriti e non solo grazie all’atmosfera festosa resa più magica e ovattata dalla neve: sfavillanti luci, dolci note e profumi di deliziosi biscotti al panpepato, dello zelten (dolce tipico natalizio) oltre ad aromatici effluvi di vin brulé e tè bollente che inebriano e riscaldano i visitatori alla ricerca di momenti di relax e di evasione in un ambiente tranquillo, raccolto e quasi familiare.

Tra i profumi del legno di abete occhieggiano prodotti tipici della tradizione altoatesina e nel Padiglione Natalizio gli artigiani mostrano gli antichi mestieri: dal tombolo alla tessitura, alla lavorazione della ceramica, delle candele…

Un tripudio di stimoli e offerte gioiose e allegre e, se la morsa del freddo si fa insopportabile, ci si può scaldare intorno a fuochi all’aperto o ritemprare con le ghiotte specialità della cucina pusterlese come i Plattlan, frittelle di patate e crauti o le Erdäpfel, gustose patate ripiene, preparate secondo antiche ricette.

Su tutto aleggia come sottofondo la musica: bande di ottoni, giovani musicisti e cori scolastici si avvicendano per allietare grandi e piccoli ai quali è offerto un ampio programma di visite per scoprire i segreti del territorio.Info: www.stadtmarketing-bruneck.eu (trilingue), tel. 0474 555722

 

seguici su Facebook
seguici su Linkedin
seguici su Google +
seguici su Pinterest
seguici su Twitter