Gufetto Magazine

PREMIO MILLELIRE: i primi tre Corti in Gara

E' partita il 7 gennaio 2014 la Prima Edizione del “Premio Millelire” – Un corto per il Teatro organizzata dal Teatro Millelire con il patrocinio del I Municipio di Roma Capitale e con il Media Partner del Magazine La Nouvelle Vague, di Gino il mensile degli eventi a Roma e Kirolandia il blog di teatro e attività culturali.

La rassegna, che si svolgerà presso il Teatro Millelire dal 7 al 12 gennaio, vuole offrire alle compagnie uno spazio dove esporre i propri lavori favorendo la diffusione e il confronto tra i nuovi soggetti del Teatro Italiano. “Il tema scelto è la Menzogna - spiega il direttore artistico Lorenzo De Feo. “La menzogna nella letteratura, nella storia, nelle favole, nel rapporto sentimentale, nell’amicizia, nei messaggi mediatici, nel sociale, nella religione; ovvero, la menzogna in senso lato intesa anche come stile di vita nonché come patologia”

La verità in trappola, L’amore in un’ampolla e Demetra e Selene sono i primi tre corti che andranno in scena la sera del 7 gennaio alle ore 21.00.

La verità in trappola con Simone Faucci, Emanuela Mascherini e Gabriele Tiziani diretti da Marcello Mione è il primo corto in scena. Il protagonista è Silvestro che, addolorato per la morte del padre, bussa alla porta dei suoi amici Rolando e Romina che lo accolgono a braccia aperte. Rolando, che sta meditando sul senso dell’ipocrisia nella vita sociale, usa Silvestro come accidentale cavia, per sperimentare comportamenti e riflessioni che urgono nella sua coscienza. In un miscuglio di parole e convinzioni che finiscono spesso per risultare false, poco chiare, aggrovigliate in un involucro di non facile e definitiva comprensione. Tra le sue pieghe si annida sempre il sospetto della menzogna, volontaria o no.

Francesca Borriero, Gaetano Bruno e Giuseppe Maria Panico diretti da Marco Aspride portano in scena L’amore in un’ampolla. Mentire non è così facile, soprattutto se la bugia si mescola agli affetti. In questo corto menzogna e amore saranno protagonisti in un continuo gioco di specchi, negando qualsiasi tipo di logica. Lo spettatore si troverà a seguire le sorti di un marito fuggito chissà dove, assisterà al delirio di una madre che crede di avere il pieno controllo dei suoi familiari ma li perderà uno alla volta; incontrerà due figli deviati dall’ossessivo amore materno. L’opposizione di due mondi “l’ampolla”, che come la caverna di Platone, sembra essere l’unico universo possibile e la realtà, dietro la porta i casa, l’unica via di uscita… forse. L’amore in un’ampolla è una storia tragicomica di un’ossessione crudele, in cui l’amore non rappresenta il sentimento delicato che riempie i cuori, ma li svuota.

Demetra e Selene vede in scena Paola Saccoman e Sfora Castro dirette da Gabriele Marelli. In scena un ipotetico dialogo e litigio tra Demetra (terra) e Selene (luna) ai giorni d’oggi. Demetra lamenta la falsità e le molteplici menzogne che Selene ha perpetrato per secoli nei confronti dell’uomo, ma soprattutto verso di lei, la sua compagna di sempre; madre terra, Selene, dal canto suo, vive con più leggerezza tutto questo, forse perché porta con se un triste ma risolutivo segreto. Se al principio, si percepisce un'ironia di fondo, poi gli animi si scaldano sempre più. L’epilogo avrà toni più drammatici, racchiusi nel breve monologo finale. La verità verrà svelata nella chiusura di Selene. La luna, in un lontano futuro, abbandonerà per sempre l’orbita terreste lasciando la terra tutta sola e questo permetterà una nuova rinascita, una nuova vita come una sorta di purificazione.

Sono questi i primi tre corti teatrali che le altrettante compagnie porteranno in scena la prima sera della rassegna. A valutare i lavori tre giurie: la Giuria di Qualità presieduta da Michele Placido accompagnato da altri attori e registi noti al grande pubblico come Michele Mirabella, Giuseppe Manfridi, Enrico Maria Lamanna, Renato Campese, Lydia Biondi, Mirella Mazzeranghi, Mita Medici, Iris Peynado che si alterneranno per le sei serate; La Giuria Critica che sarà composta da giornalisti e critici teatrali come Natalia di Stefano e Donatella Codonesu del Corriere della Sera; La Giuria Popolare, composta dal pubblico presente in sala.


PREMIO MILLELIRE – UN CORTO PER IL TEATRO I edizione
al Teatro Millelire
via Ruggero di Lauria 22
dal 7 al 12 gennaio 2014
ore 21.00
domenica ore 18.00
per info e prenotazione www.millelire.org - 0639751063 – 3332911132

seguici su Facebook
seguici su Linkedin
seguici su Google +
seguici su Pinterest
seguici su Twitter