Suggestioni in terra di Francia - Gufetto Magazine

Suggestioni in terra di Francia

Estate tempo di vacanze: ci sono molti modi per viverle, alternativi al rosolarsi su una spiaggia assolata e affollata sperando di fare concorrenza a una bistecca… ma la ‘fiorentina’ è tutt’altra cosa. Uno dei più intelligenti, se non il più intelligente, è viaggiare con lo spirito di chi va alla scoperta di un territorio, della sua cultura e delle sue particolarità.

Senza andare in Paesi lontani, nella nostra bella Europa dalle civiltà e culture antiche centinaia sono le suggestioni che invitano a essere viaggiatori attenti, anzi esploratori alla ricerca di splendori sconosciuti. Fantasia e creatività sono le condizioni per inventarsi un percorso il cui ricordo riempia di gioia i mesi successivi.

 

Riflessioni che nascono spontanee ammirando la magnifica mostra ImagineFranceche Atout France e l’Institut Français (www.rendezvousenfrance.com) stanno portando in giro per il mondo (tappa a Milano dal 27 maggio all’8 giugno 2014): Un viaggio fantastico recita il sottotitolo, e fantastico lo è sul serio non solo per la bellezza delle 28 foto che interpretano in modo creativo altrettanti simboli della cultura, della storia e del territorio francesi, ma soprattutto perché sono mete alla portata di tutti e possono essere vissute in qualsiasi periodo dell’anno.

Maia Flore - fotografa, anzi artista poiché occorre essere tale per interpretare ogni luogo in modo originale e appropriato - ha compiuto un viaggio di 66 giorni visitando 25 siti culturali: noi in attesa di poterlo rifare sul territorio possiamo far godere lo spirito e inseguire la fantasia ripetendolo in 66 minuti attraverso le sue creazioni.

 

Dalla splendida Auvergne in cui Les Thermes du Mont Dore testimoniano un passato romano che grazie alle acque sulfuree è anche presente e Le Pic du Midi (splendida la foto dell’uomo che gioca sulla vetta con la luna) che sul calar della sera crea la sensazione di un’immensità fuori dal tempo, si può raggiungere la favolosa Carcassonne, perla dell’Aude (regione che per la varietà dei paesaggi, la ricchezza di testimonianze storiche e la bontà dei vini e dei cibi merita un approfondimento) e forse il più grande sito medievale europeo che visto da lontano quando il sole radente del tramonto illumina le 52 torri e i 3 km di mura è un’immagine-sogno che si porta dentro per tutta la vita.

 

ImmagineFrance è anche un affascinante percorso tra alcuni dei castelli più belli: può iniziare dal Château Royal d’Amboise come suggerisce la creazione di Maia Flore in cui una figura femminile munita di trolley si avvicina alle mura e alle torri, rese soffuse dalla luce della sera imminente, per cercare ospitalità. Per qualche ora, passeggiando nel grandioso e spettacolare parco, può immaginare di incontrare Carlo VIII e Francesco I che certamente hanno calpestato quel suolo nei loro momenti di relax.

E perché non sognare di essere uno dei sette re o delle nove regine di Francia che hanno scelto le Château Royal de Blois, vero simbolo della vita di corte nel Rinascimento? o vivere trecento anni di storia francese ammirando nella galleria del Château de Beauregard i 327 ritratti esposti? o discutere con Leonardo da Vinci nelle sale del Château du Clos-Lucé dove il genio italiano visse gli ultimi tre anni di vita?

 

Anche chi cerca nei castelli non gli splendori delle residenze, ma l’austerità militare ha da sbizzarrirsi. Maia Flore ha scelto la Citadelle de Besançon e il Château du Haute-Koenigsbourg.

La prima (patrimonio mondiale dell’Umanità) offre oltre alle splendide strutture create da Vauban, il più grande architetto militare della sua epoca, un’eccezionale serie di panorami mozzafiato che probabilmente hanno consolato Luigi XIV da costi di costruzione così alti da fargli chiedere all’architetto se le mura della fortezza fossero d’oro (c’era forse anche allora qualche problemino negli appalti?), il secondo è un tipico castello medievale che dall’alto domina l’Alsazia. Ponte levatoio, sala d’arme e armature fanno fare al visitatore un salto nel tempo e, se l’atmosfera un po’ cupa può intristire lo spirito, nulla di meglio di qualche bicchier degli splendidi vini alsaziani per tornare a essere gioiosi. Anzi la visita al castello può essere l’alibi per approfondire la conoscenza di questi nettari dai bouquet e sapori unici e indimenticabili.

Un itinerario tra i castelli non può non terminare con un tocco di magia: l’offre il Château de Thoiry, vicinissimo a Parigi, con la sua magia della luce. Progettato da Philibert de l’Orme al centro di un vasto e splendido parco (oggi pieno di sorprese), è uno dei rari esempi di architettura esoterica nel Rinascimento ed è stato pensato mettendolo in rapporto con il corso del sole.

 

Dalla luce al buio delle Grotte decorate dell’Ardèche:le sue pitture rupestri sono una delle più antiche testimonianze dell’innato desiderio dell’uomo di lasciare ai posteri un segno della propria vita e dei propri pensieri.

Molti altri possono essere i percorsi a tema di una vacanza in Francia: dal pellegrinaggio artistico-religioso fra le tante chiese segno di una fede diffusa - che passa dalla magnificenza delle cattedrali e deiconventi alla religiosità genuina e commovente dei piccoli e poveri siti nelle campagne e in montagna - ai musei che declinano l’arte in tutte le sue espressioni con accenni molto interessanti alla contemporaneità, indice di una cultura tendenzialmente non condizionata da schemi prefissati.

E perché non predisporre un interessantissimo itinerario sulle tracce dei Romani, iniziandolo da quell’eccezionale opera d’architettura rappresentata dal Pont du Gard, il più alto ponte-acquedotto romano esistente al mondo (così poeticamente raffigurato da Maia Flore) e proseguendolo tra i tanti anfiteatri e testimonianze della presenza di Roma in tutta la Francia?

 

E l’enogastronomia?

I grandi vini, gli champagne, i formaggi, le ostriche, la cucina, il cognac, l’armagnac, il calvados, il cassis… sono presenti e invitanti con le loro tipicità lungo tutti i percorsi: da Bordeaux, alla Borgogna, all’Alsazia accompagnano il viaggiatore nel suo arricchimento culturale e nella ricerca di trascorrere una vacanza all’insegna del ‘bien vivre’.

 

seguici su Facebook
seguici su Linkedin
seguici su Google +
seguici su Pinterest
seguici su Twitter