Un salto nella storia con ‘Il cibo immaginario’ - Gufetto Magazine

Un salto nella storia con ‘Il cibo immaginario’

 

Nelle belle sale del Palazzo del Governatore nel cuore di Parma, la capitale della Food Valley italiana, è ospitata fino al 15 giugno 2014l’intrigante mostra Il cibo immaginario. 1950-1970 Pubblicità e immagini dell’Italia a tavola.

 

Il parmense, com’è noto, è per tradizione uno dei santuari del buon cibo e delle eccellenze alimentari e non è un caso che proprio a Parma si svolga Cibus (5-8 maggio 2014), l’unico salone italiano con qualche rilevanza nel panorama internazionale di settore.

 

La mostra, prodotta da Artix e curata da Marco Panella, è molto intrigante perché attraverso le immagini pubblicitarie delle abitudini alimentari italiane di un ventennio (1950-1970) particolarmente importante per la storia economica e lo sviluppo del Paese si può ripercorrerne l’incredibilmente rapida trasformazione e l’approdo tra gli Stati più sviluppati e leader mondiali.

Il progresso industriale e sociale, la trasformazione dell’agricoltura, le imponenti migrazioni interne e l’avvento di mezzi di comunicazione di massa particolarmente incisivi come la televisione hanno determinato un radicale mutamento nella cultura degli Italiani e nei loro stili di vita.

Tutto questo è fedelmente e intelligentemente espresso da Il cibo immaginario attraverso oltre 400 immagini pubblicitarie che esemplificano i dodici temi trattati: le nuove forme del paesaggio domestico, la scoperta del tempo libero, l’affinamento dei gusti che proietta il nascente italian style anche nel cibo, l’Italia dei concorsi a premio e delle offerte speciali… e 30 fotografie significative nel raccontare attraverso volti di persone comuni l’Italia semplice e carica di speranze, entusiasmi e ottimismo cui si rivolgeva la pubblicità e che dalla pubblicità traeva i propri sogni.

La mostra rappresenta anche una piccola storia dell’evoluzione del segno grafico, dei temi e dell’immagine pubblicitaria, parallela a quella della mentalità e degli stili di vita, ancora latenti in molta parte della popolazione italiana, ma che sarebbero clamorosamente emersi con i mutamenti epocali degli anni settanta.

L’esposizione è completata da una rassegna di circa 200 oggetti tra riviste, cataloghi premio, depliant, agende, calendari e calendarietti, fotografie, cartoline illustrate, fumetti, figurine e gadget (che allora erano definiti ‘oggetti regalo’).

 

Una mostra bella e interessante che fa gioiosamente rivivere ai settantenni la propria giovinezza e conoscere ai giovani un’epoca per mentalità distante anni luce dall’attuale e caratterizzata da una grande voglia di fare, dalla speranza di creare un mondo migliore e in cui, in definitiva, non si stava male.

 

Ingresso: tutti i giorni (eccetto il lunedì chiuso) dalle 11,00 alle 19.00. La biglietteria chiude alle 18,30. Tariffe: intero € 8.00, ridotto € 6.00 (over 65 e under 18)

(info: www.ciboimmaginario.it e Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. )

 

seguici su Facebook
seguici su Linkedin
seguici su Google +
seguici su Pinterest
seguici su Twitter